Pubblicato il: mer, Mar 2nd, 2016

Fino a 18 anni di carcere per l’omicidio stradale.

Il Senato ha approvato il ddl omicidio stradale.

FABRIANO, Vigili del fuoco su Ss 76 dopo incidente con sette feriti

ROMA – È stato approvato dal Senato il ddl omicidio stradale su cui era stata posta la questione di fiducia dal governo. Solo 3 contrari e 15 astensioni, il provvedimento è diventato legge con ben 149 voti a favore.

NUOVE MISURE. Con questo nuovo provvedimento l’omicidio stradale è diventato un reato a sé con tre varianti: quando la morte è causata da una violazione del codice stradale la pena oggi prevista varia dai 2 ai 7 anni, per chi uccide una persona guidando quando è in stato di ebbrezza grave, e quindi con un tasso alcolemico di più di 1,5 grammi per litro, o sotto effetto di droghe, la pena va dagli 8 ai 12 anni di carcere, è da 5 a 10 anni l’omicida il cui tasso alcolemico superi 0,8 g/l oppure colui che causa l’incidente per condotte di particolare pericolosità, se a morire è più di una persona abbiamo un aumento della pena che può arrivare fino ai 18 anni di carcere.

Ci son ulteriori novità per le lesioni stradali: dai 3 a 5 anni per lesioni gravi e dai 4 ai 7 anni per quelle gravissime per il guidatore ubriaco o drogato. Se il colpevole ha un tasso alcomelico fino a 0,8 g/l o se il colpevole ha causato l’incidente mentre faceva manovre pericolose la pena varia da un anno e 6 mesi ai 3 anni per lesioni gravi e dai 2 anni ai 4 per quelle gravissime.

E se fugge il conducente? In caso di fuga del conducente dopo l’incidente è previsto un aumento della pena che varia da un terzo a due terzi, e la pena non potrà essere meno di 5 anni per omicidio e meno di 3 anni per le lesioni. Si possono aggiungere altre aggravanti se l’incidente causa la morte o la lesione di più di una persona o se il conducente non ha la patente o l’assicurazione.

La pena può anche diminuire nel caso in cui l’incidente avviene anche per colpa della vittima.

Nel caso di condanna o patteggiamento per omicidio o lesioni viene automaticamente revocata la patente, che sarà conseguibile di nuovo solo dopo 15 anni per omicidio o 5 anni in caso di lesioni. Ovviamente il termine può aumentare se ci sono aggravanti.

Si parla invece di raddoppio della prescrizione e di arresto obbligatorio in flagranza nel caso più grave, negli altri casi è facoltativo. Il pm può chiedere solo una volta di prorogare le indagini preliminari. Per determinare il dna il giudice ha la possibilità di ordinare anche d’ufficio il prelievo coattivo di campioni biologici e nei casi urgenti e se un ritardo può in qualche modo pregiudicare le indagini può essere anche il pm a disporre il prelievo coattivo.

RIMANI AGGIORNATO Sottoscrivi i feed rss Inserisci il tuo indirizzo mail:

Profilo dell'autore

-

Commenta la notizia

XHTML: You can use these html tags: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>


Registrati  alla nostra newsletter e ricevi aggiornamenti periodici sulle notizie più interessanti!
Email*
Nome
Cognome
Sono
Consento l'invio di email commerciali proprie o di terzi leggi