Pubblicato il: gio, gen 16th, 2014

La Gabbia, la puntata del 15 gennaio 2014

Continua a leggere su Polisblog.it link articolo

00.21 Finisce la puntata.
00.15 Si chiude con l’esibizione canora di Paragone, al fianco di Baccini. I due omaggiano Giorgio Gaber.

00.02 Arriva Paolo Hendel nei panni di Pravettoni. Poi pubblicità.

23.59 In onda un servizio sui costi del Quirinale.

23.58 Barnard ripete che il settore privato non può creare la moneta di Stato.
23.55 Torna Paolo Barnard, il quale spiega che la “disoccupazione è creata interamente dallo Stato e dal suo uso delle tasse”.

23.49 In onda un servizio che racconta perché una banca non permette ad un’imprenditrice di lavorare dopo aver applicato interessi da usura e facendo segnalazioni alla centrale rischi.

23.39 La satira di Saverio Raimondo sui raccomandati che non riescono più a trovare lavoro. Poi pubblicità.
23.37 Secondo Beha si va a elezioni anticipate quest’anno. Poi spazio al pubblico in studio.
23.35 Passarella afferma che il piano di Renzi sul lavoro fa emergere luci ed ombre anche perché il segretario del Pd sottovaluta il fatto che il vero problema è nella domanda e non solo nell’offerta.
23.32 Un’imprenditrice 40enne in studio racconta di aver dovuto chiudere la sua azienda e spiega di non avere più alcuna fiducia nei confronti della politica.
23.31 Secondo Beha, Renzi funge da ramazza. Ma dopo di lui chi c’è?
23.29 Reuscher dice che in Germania Renzi viene visto come l’uomo nuovo anche se ci si domanda con quali uomini riuscirà a mettere in pratica le sue proposte meritevoli.

23.26 Ascoltiamo cosa ha da dire Nessuno su Matteo Renzi. Il segretario del Pd ha cambiato atteggiamento negli ultimi giorni perché dietro di lui ci sono i poteri forti.
23.18 Gardini: “La Bce è un potere esterno, privato, e ad essa abbiamo ceduto la sovranità nazionale, è evidente”. Beha: “E chi c’era al governo quando è successo questo?”. Gardini: “Io no”.
23.14 Secondo Magaldi Napolitano e Grasso sono entrambi massoni. Anche Boldrini ha avuto un’affiliazione massonica, mentre Letta non è stato ancora iniziato ma è “un maggiordomo dei poteri massonici”.

23.12 In un servizio un massone, Gioele Magaldi, racconta quanto conta la massoneria in Italia.
23.05 Pubblicità.
23.04 I politici a vita, cioè i politici di professione, in un servizio. Ci sono Gasparri, D’Alema, Finocchiaro, Casini, Matteoli e Napolitano.

23.02 In studio un lavoratore della Carrier di Villasanta. Il 7 gennaio è stata annunciata la chiusura del sito industriale, due giorno dopo il licenziamento di più di duecento lavoratori. L’azienda l’anno scorso ha chiuso il bilancio in positivo. Il lavoratore precisa: “L’azienda non sta chiudendo, sta lasciando l’Italia”.

23.00 Gozi dice che si sta lavorando per superare il problema della concorrenza al ribasso e per far in modo che in Italia si lavori a condizioni italiane.
22.58 Plateroti invita a non fare retorica sui vincoli imposti dall’Europa.
22.56 Un servizio elenca i ministri italiani da bocciare.
22.55 Alessandro: “Il ministro Lupi ha detto che il problema non è controllabile perché il camion ha le ruote. Negli ultimi 10 anni i governi hanno creato 70 tipi di contratto a termine”.

22.53 L’autista lamenta la concorrenza dei lavoratori dell’est Europa. Gozi spiega perché il mercato unico va mantenuto: “Ha dato grandi opportunità”.
22.52 Paragone esce dallo studio con Gozi per incontrare l’autotrasportatore Alessandro.

22.50 L’economista Veronese Passarella nota è da dimostrare che i problemi del lavoro provengano solo dal lato dell’offerta.

22.48 Un autista rumeno lavora con una ditta italiana ma ha un contratto sloveno.

22.42 In un servizio ascoltiamo le lamentele degli auto trasportatori che protestano e dall’altra parte le poche risposte di un parlamentare del Pd, interrogato sulla tassazione sulle imprese e sui dati Istat.

22.34 Silvia Sardone, presidente dei centri per l’impiego di Milano, è in studio. Dopo aver precisato che gli incarichi in essi sono tutti a titolo gratuito, aggiunge:

Se venissero chiusi i centri per l’impiego chi si prenderebbe in carico chi è senza lavoro? Noi non possiamo creare posti di lavoro; c’è una legge che non ci fa superare la problematica burocratica, impone che chi cerca lavoro, per la prima volta, debba mettersi in fila con la carta d’identità in mano.


22.30 Librandi: “Il nostro governo ha creato dei posti di lavoro”. Lo studio insorge, anche Plateroti obietta ai numeri citati dal deputato di Scelta Civica.

22.27 Plateroti lamenta che i finanziamenti europei vengono sprecati dallo Stato, che non li dà alle aziende ma a centri poco utili.
22.25 Un disoccupato, davanti alle telecamere, si lamenta con un’impiegata di un centro di impiego. Intanto spazio agli altri ospiti in studio: Librandi di Scelta Civica, Plateroti, vicedirettore de Il Sole 24 Ore, Passarella, docente di economia.
22.21 In onda un servizio sui centri di impiego del tutto inutili per i disoccupati.
22.16 Lo Stato dovrebbe assumere tutti coloro che vogliono lavorare, fissando il costo del lavoro al livello di decenza nazionale. L’assunzione sarebbe transitoria.

22.15 Tocca a Paolo Barnard. Che spiega che il settore privato non può garantire la piena occupazione, che invece è garantita dal deficit dello Stato.
22.12 A Barletta 3 anni fa crollò una palazzina in cui lavoravano alcune operaie. Oggi non è cambiato nulla: alla giornalista, che si finge interessata al lavoro, viene proposto di lavorare per massimo cinque euro all’ora.
22.06 In onda un servizio sulla crisi (con lavoratori sottopagati e sfruttati) del settore tessile a Barletta, in Puglia. 3,50 all’ora, cioè fino a 600 euro al mese. Le ex lavoratrici: “Pur di lavorare si abbassava la testa”.
22.01 Pubblicità.
22.00 Gardini: “Trovo assurdo che un governo così non vada a casa: un ministro non trova 1 miliardo per non far pagare il residuo dell’Imu!”
21.58 Gozi dice che è necessario abbassare le tasse sul lavoro e alle imprese con le risorse da recuperare tassando maggiormente le operazioni finanziarie.
21.55 In un servizio si riassumono tutti gli scivoloni del ministro Saccomanni. Dall’uscita dalla crisi alla tassazione sulla casa.
21.54 Paragone introduce il tema della disoccupazione citando il dato recentissimo. Per Beha “la classe dirigente è vergognosa e incapace” e il caso De Girolamo è legato al problema del lavoro in Italia.

21.50 Riascoltiamo la telefonata tra la ministro Cancellieri e Gabriella Fragni, compagna di Salvatore Ligresti.

21.48 Paragone chiede a Gozzi perché il Pd ha chiesto le dimissioni della Idem e non di Alfano e Cancellieri: “Contro la Idem non è stata votata la mozione di sfiducia, è stata lei a ritenere doveroso un passo indietro”.
21.47 In studio parla un avvocato che fa parte del movimento dei Forconi.
21.44 Beha: “Questo è un Paese di pecoroni, uno dovrebbe scendere in piazza tutti i giorni: è stato azzerato il futuro di un’intera generazione e noi stiamo qui a discutere di un vaffa”.
21.40 In un servizio l’inviata ascolta le posizioni dei parlamentari: Scalfarotto è attendista, Gelmini difende De Girolamo, Civati chiede il gesto delle dimissioni.
21.38 Gardini nota che ormai c’è una sovrapposizione di responsabilità che non permette di fare chiarezza; poi a proposito dell’imbarbarimento sulle intercettazioni rivela che alcuni imprenditori pagano per farsi intercettare 24 ore su 24 pur di non essere incastrati da registrazioni telefoniche parziali.

21.33 Gozi dice che la questione è “dare messaggi positivi”:

Se in Parlamento ci dimostra che tutto questo è una montatura, che tutto quello che appare non è reale, non deve dimettersi, altrimenti se le cose stanno così la ministro dovrebbe dimettersi. Per una questione di opportunità.

21.31 Per Beha la classe politica non si accorge che il Paese è a pezzi. Poi sul caso De Girolamo dice la ministro dovrebbe dimettersi ma specifica che “non ne faccio una questione politica o giudiziaria, ma di dignità personale”.
21.28 Paragone dà subito spazio al pubblico in studio. Tutti criticano la classe politica, sorda nei confronti dei problemi della gente.
21.26 Paragone presenta gli ospiti in studio: il democratico Sandro Gozi, Elisabetta Gardini, europarlamentare di Forza Italia, e i giornalisti Oliviero Beha e Constanze Reuscher.
21.24 Intanto, ecco svelati i nomi degli ospiti di oggi.

21.21 Lo zio della ministro nega che De Girolamo abbia influito sul fatto che il bar venisse affidato a lui.
21.20 Vengono ricostruite le intercettazioni ‘rubate’ a De Girolamo.

21.19 Il primo servizio è firmato da Monica Raucci ed è incentrato sul caso De Girolamo.
21.13 Pubblicità.

21.12 Si parte subito con il caso De Girolamo, con Paragone critico nei confronti della politica che si indigna per il bar dell’ospedale e non per la disoccupazione in crescita.
21.01 Tra gli ospiti non politici della puntata di stasera de La Gabbia, ci sarà il cantante Francesco Baccini.

Questa sera, dopo la lunga pausa per le festività natalizie e la messa in onda del ‘meglio di’, torna in onda in diretta La Gabbia, il talk show di La7 condotto da Gianluigi Paragone.

Al momento non è stato diffuso alcun comunicato stampa; pertanto non possiamo annunciare i nomi degli ospiti che discuteranno in studio di attualità politica ed economia. Possiamo però segnalare il tweet del conduttore, che anticipa alcuni temi che saranno trattati nel corso della lunga diretta.

Ricordiamo che PolisBlog, a partire dalle ore 21.10, seguirà in tempo reale tutta la puntata.

La Gabbia, puntata 15 gennaio 2014La Gabbia, puntata 15 gennaio 2014La Gabbia, puntata 15 gennaio 2014La Gabbia, puntata 15 gennaio 2014La Gabbia, puntata 15 gennaio 2014La Gabbia, puntata 15 gennaio 2014La Gabbia, puntata 15 gennaio 2014La Gabbia, puntata 15 gennaio 2014La Gabbia, puntata 15 gennaio 2014La Gabbia, puntata 15 gennaio 2014La Gabbia, puntata 15 gennaio 2014La Gabbia, puntata 15 gennaio 2014La Gabbia, puntata 15 gennaio 2014La Gabbia, puntata 15 gennaio 2014La Gabbia, puntata 15 gennaio 2014La Gabbia, puntata 15 gennaio 2014La Gabbia, puntata 15 gennaio 2014La Gabbia, puntata 15 gennaio 2014La Gabbia, puntata 15 gennaio 2014La Gabbia, puntata 15 gennaio 2014La Gabbia, puntata 15 gennaio 2014La Gabbia, puntata 15 gennaio 2014La Gabbia, puntata 15 gennaio 2014La Gabbia, puntata 15 gennaio 2014La Gabbia, puntata 15 gennaio 2014La Gabbia, puntata 15 gennaio 2014La Gabbia, puntata 15 gennaio 2014La Gabbia, puntata 15 gennaio 2014La Gabbia, puntata 15 gennaio 2014La Gabbia, puntata 15 gennaio 2014La Gabbia, puntata 15 gennaio 2014La Gabbia, puntata 15 gennaio 2014La Gabbia, puntata 15 gennaio 2014La Gabbia, puntata 15 gennaio 2014La Gabbia, puntata 15 gennaio 2014La Gabbia, puntata 15 gennaio 2014La Gabbia, puntata 15 gennaio 2014La Gabbia, puntata 15 gennaio 2014La Gabbia, puntata 15 gennaio 2014

La Gabbia, la puntata del 15 gennaio 2014 é stato pubblicato su Polisblog.it alle 00:20 di giovedì 16 gennaio 2014. Leggete le condizioni di utilizzo del feed.




Continua a leggere su Polisblog.it link articolo

RIMANI AGGIORNATO Sottoscrivi i feed rss Inserisci il tuo indirizzo mail:

Profilo dell'autore