Fabrizio Corona: ladri in casa il giorno prima di Natale. Guarda il video e il messaggio per Matteo Salvini

Nella notte tra il 23 e il 24 dicembre, Fabrizio Corona ha subito un furto nella sua casa di Milano.
A raccontare l’accaduto è stato lo stesso ex manager fotografico che su Instagram ha caricato le immagini del proprio appartamento a soqquadro.

Cassetti ribaltati, vestiti sparsi, oggetti rotti: il disordine mostrato nelle storie è commentato dallo stesso Corona che, furioso, ha documentato il caos trovato nelle stanze.

“Come regalo di Natale anche nel giorno di Natale questi grandissimi pezzi di m***a mi sono entrati in casa”, ha affermato Corona che in un’altra storia ha commentato ancora: “Prima o poi mi faccio trent’anni di galera a meno che la legge di Matteo Salvini non mi salvi”.

fabrizio-corona-ladri-casa-gossip

Furto in casa di Corona: il precedente

Non è la prima volta che Fabrizio Corona subisce un furto in  casa. Recentemente l’ex re dei paparazzi ha raccontato l’accaduto, risalente al periodo in cui era fidanzato con Silvia Provvedi: “Sono stato derubato in casa e ho sporto immediatamente denuncia. Mi hanno rubato quella che per me era la ‘pensione’, il futuro per mio figlio Carlos”, ha spiegato in un’intervista a Chi per motivare la perdita di fiducia in colei che all’epoca era la sua compagna.

“Ho iniziato a vivere nell’inferno. Vedevo nemici ovunque. Ho iniziato a dubitare di tutti, anche di Silvia, lo ammetto. Ho perso serenità e lucidità, ho avuto solo le forze dell’ordine accanto, e i miei demoni. E quando vivi da indemoniato, dici le peggio cose”.

Ora la brutta esperienza si è ripetuta anche stanotte e la rabbia di Corona è tanta: “Sono incazz*ato nero”, ha affermato nell’ultimo video-messaggio, successivo a quello che ha ripreso anche una bottiglia di aranciata bevuta dai ladri e lasciata in cucina “a sfregio”.

Di seguito i video Instagram della casa derubata di Corona:

Fonte http://www.today.it/gossip/vip/corona-furto-casa-ladri.html

Potrebbero interessarti anche...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.