Mahmood ha vinto il Festival di Sanremo 2019! Leggi il significato nascosto e cosa c’entra il padre

Mahmood, Soldi: il vero significato della canzone che ha vinto Sanremo 2019

Soldi di Mahmood è la canzone vincitrice del Festival di Sanremo 2019. Un pezzo accattivante e ritmato dal ritornello che non si dimentica facilmente. E che ha conquistato tutti fin dal primo ascolto, tanto che già prima di trionfare sul palco dell’Ariston era tra le più ascoltate su Spotify. In realtà il testo del pezzo ha un significato più profondo di quello che si può pensare. A spiegarlo lo stesso artista 26enne in un’intervista rilasciata a Fanpage. “Il pezzo si chiama soldi ma non parla di soldi a livello materiale perché parla di come i soldi possono cambiare i rapporti all’interno di una famiglia”, ha dichiarato il vincitore di Sanremo 2019, il cui vero nome è Alessandro Mahmoud. A L’Unione Sarda, l’ex concorrente di X Factor ha aggiunto: “È parecchio autobiografica, è una storia che ho vissuto e che hanno vissuto tante persone. Ma ci sono delle parti che non hanno un significato letterale. Per esempio ‘Beve champagne sotto il Ramadan’ è un verso che uso per dire ‘Predichi bene e razzoli male’”.

Mahmood ha la madre sarda e il padre egiziano

Mahmood è nato da madre sarda e padre egiziano. E per ricordare la sua infanzia ha voluto inserire in Soldi dei versi in arabo. “Li ho sentiti nella mia infanzia, ho delle immagini forti che richiamano al mondo arabo. Ho voluto metterle per rafforzare ancora di più quel ricordo”, ha puntualizzato. Alessandro è nato e cresciuto a Milano e oggi non ha più alcun tipo di rapporto con il padre. “Che fine ha fatto mio padre? Non lo so, non ho rapporti con lui”, ha ammesso.

loading...

Mahmood ha dedicato la vittoria di Sanremo alla madre

Diverso invece il legame che Mahmood ha con la madre, che l’ha seguito a Sanremo. “Lei è felice e orgogliosa. Dedico a lei questa vittoria”, ha detto entusiasta al Dopofestival.

Fonte https://www.gossipetv.com/mahmood-canzone-soldi-significato-padre-396547

Potrebbero interessarti anche...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.