Pubblicato il: dom, Set 27th, 2015

Mostra alle Terme di Diocleziano.

Henry Moore fino al 10 gennaio.

20150925_293Roma – La mostra è stata inaugurata il 24 settembre alle Grandi Aule delle Terme di Diocleziano, e resterà aperta fino al gennaio. Sono in tutto settantasette le opere esposte.

L’ultima esposizione dedicata ad Henry Moore si tenne a Venezia vent’anni fa.

Lo scopo del percorso sono le figure scomposte in più elementi, in particolare ci si concentra sulle forme della donna fanno riflettere sull’identità femminile prima come soggetto sensuale, poi come madre e, infine, perfino come madre Terra. È in quest’ultima manifestazione che la femminilità “spezzata” si fa prova della perenne metamorfosi della natura, tra esseri viventi e contesto.  La frammentazione della figura è però frutto di una lunga e articolata ricerca che prende le mosse dalle composizioni tradizionali poi rilette in chiave modernista e, infine ripensate alla luce delle ferite che la guerra ha lasciato sul singolo e sulla comunità. La mostra ricostruisce questo percorso, dalle prime figure, quasi abbozzate, ai “ritratti” della Londra bellica, che usa le sue metropolitane come rifugi antiaerei per la gente, fino ad arrivare alla riflessione sul rapporto madre-figlio che, abbandona la serenità dell’iconografia classica, anche sacra, per mostrare gli individui in lotta tra di loro, pronti a consumarsi vicendevolmente.

La mostra sarà aperta fino al 10 gennaio alle Grandi Aule delle Terme di Diocleziano in viale De Nicola dalle 9:00 alle 19:30, tutti i giorni tranne lunedì e il biglietto costa solo 13 euro.

RIMANI AGGIORNATO Sottoscrivi i feed rss Inserisci il tuo indirizzo mail:

Profilo dell'autore

Commenta la notizia

XHTML: You can use these html tags: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>


Registrati  alla nostra newsletter e ricevi aggiornamenti periodici sulle notizie più interessanti!
Email*
Nome
Cognome
Sono
Consento l'invio di email commerciali proprie o di terzi leggi